Article written by

10 Responses

  1. 83749 at |

    Le università hanno inviato una mail per metterci in guardia da chi ha preso i dati ed hanno precisato che nei prossimi giorni una mail maggiormente dettagliata indicherà come procedere a denuncia. Ora aspetto di vedere quali passaggi e quali moduli devo compilare per denunciare la mia università e la superficialità con cui lascia incustoditi dati sensibili…

  2. M30222W at |

    Condividere le password degli studenti vuol dire danneggiarli, non aiutarli. Che cazzo di colpa ha un dottorando se le università non riescono a difendersi da attacchi così ridicoli? Perché devono pagare gli studenti? Zero supporto per sta stronzata e fidatevi che nessuno della “comunità” la sostiene.

  3. Totò at |

    Sono uno studente forse hackerato. Quali sono i dati sensibili trafugati? Come faccio vederli e soprattutto interpretarli? Scusate sono ignorante. Grazie per il campanello di allarme, ma non mi aspettavo grande protezione dagli inetti delle università…

  4. BioNight at |

    Quello che ci voleva bravi, avete attaccato uno dei punti più profondi del sistema, le Università, luoghi dove una massa di burattini entrano come ignoranti ed escono ancora più ignoranti di prima. Voi lo avete fatto per i cervelli in fuga, ci può stare ma se state attenti al sistema universitario chiedete non solo a studenti ma a laureati ex studenti scoprite che si passano anni ed anni a fare cose che non servono a nulla solo per creare delle lobby. Ma molti studenti bigotti e senza un cervello funzionante e che vivono nel loro piccolo recinto non lo ammetterà no mai, fa troppo male e loro sono troppo vigliacchi per ammettere che il sistema universitario ora è completamente fallimentare. Io ne sono convinto ancora di più da quando mi sono laureato e fatto gli esami di Stato. Se attaccate quel fallito di Mentana con tutti gli schiavi dementi delle multinazionali e poteri forti (come le Sardine) non sarebbe male.

    Saluti

  5. YYY at |

    Utente XXX del 23/12/2019 at 16:03

    ah minchia, loro sono una vergogna? non che la rete di un’università è uno schifo? non hanno danneggiato nulla, hanno solo letto delle tabelle che erano esposte non per colpa loro. Non saper usare sql in un’università direi che è grave

  6. XXX at |

    Siete davvero una vergogna. Cosa pensate di dimostrare? Di boicottare le università? State solo danneggiando gli studenti

  7. ciccio at |

    “Ma dopo la crisi economica del 2007 si riconosce un nuovo fenomeno: la fuga dei cervelli!” … il vostro se n’e’ andato gia’ da un pezzo prima.

  8. janussilente at |

    Perchè i link non sono più disponibili? Erano a scadenza?

  9. ROBO94 at |

    Perché invece di renderli pubblici non li comunicate direttamente ai responsabili della sicurezza delle diverse università?
    Così facendo agevolate il traffico illegale dei dati d parte dei malintenzionati.

  10. lalala at |

    Bravi! …da uno studente a cui avete prelevato i dati… Bravi! Date una sveglia a chi non si può permettere più di dormire!

Comments are closed.